Nota del prof. de Manzini

Cari Colleghi

Dopo aver discusso nell’ultima assemblea l’argomento sollevato da Testini, e dopo aver letto la sua lettera, confermo che il Collegio debba farsi carico di segnalare al Rettore di Bari la pesante irregolarità che è stata proposta. Come ho già detto lo farei subito, in modo da prendere data e offrire ai nostri colleghi una solidarietà tangibile e netta sull’argomento.

Prof. Nicolò de Manzini, MD, FRCS, M Hon AFC
Direttore
UCO di Clinica Chirurgica
Università di Trieste

Commenti (...)

  1. VITO D'ANDREA 30 ottobre 2017 Rispondi

    Concordo con il Prof. Nicolò de Manzini.

    Penso che il Collegio debba fare proprio il documento ben scritto dal Prof.Mario Testini ed inviarlo con urgenza al Rettore dell’Università di Bari.

    Penso che debba anche far seguito una diffida a ritirare il bando illegittimo.

    Cordiali saluti,

    Prof. Vito D’Andrea Tel. **39 06 4997.5550 / 335 722.36.99 /TIM) / 349 87.295.87 (Voda)

    https://scienze.chir.uniroma1.it/users/vito-dandrea

    https://scienze.chir.uniroma1.it/didattica/offerta-formativa/dottorati

    http://www.quirinale.it/elementi/dettaglioonorificenze.aspx?decorato=185714

    http://www.policliniconews.it/storie/prof-vito-dandrea-riconoscimento-ufficiale-dellarma-dei-carabinieri

  2. Claudio Bassi 30 ottobre 2017 Rispondi

    Condivido !

  3. Gianfranco Amicucci 30 ottobre 2017 Rispondi

    Sono pienamente d’accordo!
    Siamo di fronte allo stravolgimento illegale dell’Accademia e la stiamo confondendo con “parrocchiette “
    Locali a fronte di leggi dello Stato Italiano ben costituite ed esplicite !
    Credo che la diffida al Rettore sia la prima cosa da fare !
    Rettori così non servono e sono dannosi per le Università Italiane !
    Così operando , rischiano di affossare le Scuole di Medicina e Chirurgia delle Università Italiane .
    C’è una legge dello stato Italiano , che vada rispettata !!!
    Gianfranco Amicucci

  4. Massimo Chiarugi 30 ottobre 2017 Rispondi

    Sono d’accordo col il prof. De Manzini
    Massimo Chiarugi

  5. G.Pappalardo 31 ottobre 2017 Rispondi

    Cari amici, sono d’accordo con quanti chiedono di inviare la lettera di Testini al rettore di Bari . Rinnovo l’invito alla sig.ra Botti ed al dott. Pacifici di procedere rapidamente all’inoltro. G.Pappalardo

  6. Mara 31 ottobre 2017 Rispondi

    Anche io credo che questa rappresenti una problematica che non può restare inaffrontata!
    Ritengo anche che , forse in questo potremmo avere parte attiva, dovremmo spingere perchè sempre più i Protocolli d’Intesa Università -Regione affrontino e trovino soluzioni condivise (anche a livello nazionale) .
    Da noi in Sicilia, da questo punto di vista, molti aspetti conflittuali, di recente, sono stati superati !

  7. Massimo Falconi 31 ottobre 2017 Rispondi

    Assolutamente d’accordo.

  8. giampiero Campanelli 31 ottobre 2017 Rispondi

    Piena solidarietà

  9. Mario Testini 31 ottobre 2017 Rispondi

    Ringrazio di cuore tutti gli Amici e Colleghi che hanno preso posizione. Ci tengo a sottolineare che questo argomento – e Vi prego di credermi! – non è affatto “pro domo mia” (la mia personale situazione è in pratica in via di risoluzione interna in modo “equilibrato”) ma spero che questo regolamento assurdo non debba fare giurisprudenza per gli ordinari futuri.
    Grazie ancora a tutti, un abbraccio,
    Mario Testini

  10. Felice Giuliante 1 novembre 2017 Rispondi

    Anch’io esprimo il mio completo assenso alla necessità di procedere.

  11. Stefano de Franciscis 1 novembre 2017 Rispondi

    non solo sono d’accordo,d’accordissimo e ritengo che Mario Testini abbia fatto cosa buona e giusta a portare in Collegio questa problematica che porta il Collegio ad agire in difesa dei ruoli Universitari ,

    Potremmo anche,se tutti d’accordo, farne una Nota Informativa per tutti gli altri Collegi Universitari e comunque all’InterCollegio ,( sono al corrente di problemi simili in altre Discipline) Informare dell’accaduto,delle nostre decisioni,pressoché unanimi, e tenerli informati sugli esiti.

    Potrebbe anche essere interessante informare il CUN per cercare di “normalizzare” in campo nazionale questa tipologia regolamentaria.

    E’ un momento molto importante e delicato ed abbiamo il dovere,la possibilità,e la capacità di essere parte attiva della Sanità Universitaria che non è solo Congressi e Scienza.

    Abbiamo un Presidente che fa sentire la Sua Voce……Sfruttiamolo !!!!
    Stefano de Franciscis

  12. Piergiorgio Calò 1 novembre 2017 Rispondi

    Cari colleghi,
    come già espresso, sono perfettamente d’accordo con prof. De Manzini. A prescindere dalla mia amicizia e stima per il prof. Testini, è una questione di principio e questa cosa non la dobbiamo proprio fare passare senza una risposta più che determinata.
    Saluti a tutti
    Piergiorgio Calò

  13. Ezio Gianetta 1 novembre 2017 Rispondi

    Completa condivisione e ringrazio Mario per avere preso questa iniziativa….e sono certo che nessuno abbia pensato che l’abbia fatto “pro domo sua”.
    Ezio Gianetta

  14. stefano puleo 2 novembre 2017 Rispondi

    Cari Colleghi,avete già detto tutto in modo appropriato e non posso che condividere tutte le iniziative che il Collegio riterrà opportune.
    Cordialmente Stefano Puleo.

  15. Buscemi Giuseppe 2 novembre 2017 Rispondi

    Mi unisco alle considerazioni che i colleghi che mi hanno preceduto hanno chiaramente espresso! Mario ha posto con estrema onestà intellettuale nell’interesse dell’Accademia la questione che merita una decisa presa di posizione del Collegio.
    A tutti un caro saluto
    Pippo Buscemi

  16. cristina marmorale 2 novembre 2017 Rispondi

    Pieno accordo su tutto
    un caro saluto a Mario
    cristina

  17. marco montorsi 2 novembre 2017 Rispondi

    Cari amici,
    in veste di Rettore parteciperò ad un incontro specifico sui temi universitari con la ministra Fedeli il prossimo 10 novembre a Roma . In tale occasione si discuterà un documento che comprende anche un punto specifico sulle Scuole di Medicina e le sue problematiche tra le quali appunto quella dei rapporti con le strutture ospedaliere sede di facoltà di Medicina ( partendo dalle 382 e 517 ) .
    Il Rettore Guadio si sta occupando di raccogliere gli argomenti tra i quali ci sarà senz’altro quello sollevato da Mario Testini.
    Vi terrò informati.
    Un caro saluto
    Marco Montorsi

  18. Mario Testini 2 novembre 2017 Rispondi

    Caro Marco,
    grazie per la Tua disponibilità. Alla luce di quanto detto invito il nostro Presidente ad inviare la nota al Rettore di Bari da parte di TUTTO il Collegio in tempi tali da consentire a Marco di poterne avere riscontro per la riunione del 10 p.v.
    Grazie a Tutti, Mario

  19. Galizia Gennaro 2 novembre 2017 Rispondi

    Preg.mi Colleghi,
    sono d’accordo su tutto, anche sulla necessità di inviare una lettera all’interCollegio ed al CUN
    Cordiali saluti
    rino galizia

  20. Alessandro Cappellani 2 novembre 2017 Rispondi

    Sono anch’io daccordo sulla opportunità che il Collegio intervenga con incisività e decisione sulla questione che oggi colpisce Testini e domani chiunque di noi.

  21. Vincenzo Minutolo 2 novembre 2017 Rispondi

    Non posso che condividere tutte le riflessioni che sono state fatte e dobbiamo ringrazia re il prof. Testini per aver fatto emergere questo problema. ..

  22. gianfranco amicucci 2 novembre 2017 Rispondi

    Approvo idea di inviare comunicazione all’Intercolleggio e al CUN.
    Gianfranco Amicucci

  23. Mara Gioffrè 3 novembre 2017 Rispondi

    Credo che l’occasione dell’incontro con la Ministra Fedeli sia un ottima opportunità per discutere ed affrontare tanti aspetti della problematica!
    All’incontro utili spunti potranno venire dall’esperienza di Francesco Basile ( che ha partecipao alla stesura dei nostri protccolli d’intesa -tra l’altro eravamo in piano di rientro-) e di Marco Montorsi che conoscno molto bene queste ed altre ( vedi Chieti!!!) criticità.
    Concordo con comunicazione ad intercollegio e CUN !

  24. giovanni de manzoni 3 novembre 2017 Rispondi

    Assolutamente d’accordo nell’appoggiare con una lettera la posizione di Testini a Bari ma penso ancora più importante a livello di CRUI sollevare il problema della necessità di responsabilità apicali degli ordinari anche in considerazione dell’evoluzione delle Scuole di Specialità. Dobbiamo prevenire il futuro che ci aspetta nelle varie Aziende Integrate Ospedale -Università

  25. Pasquale B. Berloco 3 novembre 2017 Rispondi

    Cari colleghi, ho valutato con molta attenzione l’argomento sollevato dal prof M. Testini. confermo la mia adesione a quanto affermato dai vari colleghi, e ritengo che la posizione presa dal collegio sia pienamente condivisibile.
    cordiali saluti a tutti
    Prof Pasquale B. Berloco
    Direttore Dipartimento di Chirurgia Generale e Trapianti
    Università di Roma La Sapienza

  26. Corrado amodeo 3 novembre 2017 Rispondi

    confermo la mia adesione a quanto affermato dai vari colleghi, e ritengo che la posizione presa dal collegio sia pienamente condivisibile è una questione di principio e questa cosa non la dobbiamo proprio fare passare senza una risposta più che determinata.
    Saluti a tutti
    Corrado Amodeo

  27. Domenico 4 novembre 2017 Rispondi

    Sappiamo tutti che c’è un problema.
    Naturale e condivisibile il coro di chi se ne lamenta.
    Ma penso che perchè la nostra azione/opposizione sia davvero efficace, oltre che attuare presso le sedi competenti forti rimostranze (che da qualcuno verranno inevitabilmente tacciate di corporativismo in difesa di diritti acquisiti), dovremmo anche interrogarci sul perchè tutto questo stia accadendo e quali sono le radici di questa mortificazione della figura del Professore di I^ fascia.

  28. Giorgio De Toma 6 novembre 2017 Rispondi

    Cari amici,
    ho più volte esposto quale è la linea seguita dalla “Sapienza ” nel Policlinico Universitario Umberto I a riguardo. Confido che tali linee , con l’interessamento della CRU ed in particolare dei nostri Rettori, , possano trovare una applicazione rapida anche in altre Sedi Universitarie.
    Giorgio De Toma

  29. Ludovico Docimo 7 novembre 2017 Rispondi

    Carissimi,
    penso che sia opportuno un atto forte, che dimostri innanzi tutto il nostro disappunto, la nostra compattezza di categoria e quindi il nostro ruolo purtroppo allo stato poco tutelato nella duplice afferenza ministeriale.
    Una lettera accorata e circostanziata alla Fedeli, nostro principale interlocutore, e se si vuole per conoscenza anche alle altre istituzioni interessate (CUN, CRUI, ecc.), probabilmente rappresenta la strada ideale.
    E’, infatti, ben evidente il disinteresse della Lorenzin ai nostri problemi. Le nostre proposte sulle scuole di specializzazione sono state completamente disattese, secondo una pericolosa deriva nella quale si inserisce pericolosamente, per tutte le sedi universitarie, anche la questione sollevata da Mario e che segue quella di Chieti-Pescara.
    Molto cordialmente
    Ludovico Docimo

  30. Gianfranco Amicucci 7 novembre 2017 Rispondi

    Risposta al Prof.De Manzoni :
    Appunto per questo portiamo avanti gente valida , che nessuna ASL , ci potrà mai confutare !
    Cioè veri Professori Ordinari di Chirurgia !

  31. gaetano giuseppe Di Vita 8 novembre 2017 Rispondi

    Confermo la mia adesione a quanto affermato dai vari colleghi, caro Giorgio forse e’ opportuno che espliciti la linea seguita dalla “Sapienza ” nel Policlinico Universitario Umberto I perche’ alcuni di noi non la conoscono. Peppino Di Vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*